lunedì 21 marzo 2016

Deadpool

Finalmente dopo varie peripezie sono riuscita a vedere Deadpool. Non sapevo bene cosa aspettarmi in quanto non sono proprio una fans dei supereroi. Mi piacciono ma non da correre alle anteprime. Contiene spoiler.


Titolo: Deadpool
Uscita Cinema: 18 febbraio 2016
TRAILER

Cosa dire di questo film Marvel? Di pellicole rappresentanti i supereroi ne ho viste parecchie, ma mai così grottesca. Dalla trama si capisce che il protagonista ha un cancro terminale e invece di fare una fine dignitosa decide di mettere la sua vita nelle mani di questo Agente X che lo affida alle amorevoli cure di un macellaio inglese di nome Francis. Questo, dopo innumerevoli torture di una crudeltà infinita con la scusante di voler risvegliare il gene mutante, gli infligge l'ultima pena: lo rinchiude in una cassa trasparente e gli toglie il 90% (?) di ossigeno. In pratica maccheronicamente parlando da analfabeta in campo di super poteri, chimica e quant'altro, questo poveraccio è vivo ma gli manca l'aria, di conseguenza i tessuti iniziano a bruciarsi/liquefarsi o non so perché non ho guardato. Insomma esteriormente è completamente deforme. Però questo shock risveglia il gene mutante che gli permette di rigenerarsi quando viene colpito o se perde una parte del corpo, ma non rigenera le bruciature della pelle (bah..). E' orrendamente brutto ma immortale. Quando riesce a liberarsi da questo luogo di morte, torna dalla sua ragazza ma non ha il coraggio di farsi vedere perché è mostruoso e così cerca di rintracciare tal macellaio inglese Francis per farsi mettere a posto viso e corpo. Nel farlo uccide in modo splatter e inverosimile chiunque abbia o no informazioni. La trama è acquosa e banale, ma capisco che debba spiegare la nascita di questo (utile?) personaggio. Non è un supereroe, lo ripete per tutto il film. In realtà è un tizio che non voleva morire perché aveva una ragazza fantastica e voleva passare il resto della vita con lei. Tra qualche anno lei morirà di vecchiaia e lui no. ò.ò Per quanto riguarda la resa del film l'ho trovata innovativa, parla al pubblico che lo sta guardando, è pro-uccisioni, è irriverente e spontaneo, non è un buonista anche se le intenzioni sono buone, si circonda di personaggi strampalati tanto quanto lui e momentaneamente il film è autoconclusivo. Infine voglio menzionare il siparietto X-Men che provano a portarlo a casa senza successo, probabilmente per collegarlo ai successivi film non so. Nel complesso è carino e si lascia gurdare, l'importante è non avere troppe aspettative.

Buona visione
Saya♥

sabato 19 marzo 2016

Into the woods

Avevo adocchiato questo film da quando è uscito ma me l'ero perso al cinema. Quando finalmente arriva su sky mi preparo per la visione e..niente è un musical delle favole. Contiene spoiler.

Titolo: Into the woods
Uscita Cinema: 2 aprile 2015

Non so davvero cosa mi aspettavo ma mi ero fatta dei castelli immensi di beltà e oscurità, che pensavo realmente che questo film sarebbe stato una bomba. In realtà è una storia carina su come alcune favole famose vengano intrecciate alla storia principale della strega, interpretata da Meryl Streep. Attori strepitosi e con voci incredibili ma troppe canzoni lunghe e noiose. Non mi hanno lasciato niente, non mi hanno incuriosito. Anche il finale l'ho trovato banale e prevedibile. Si svolge tutto all'interno di un bosco, in cui una coppia dopo aver stipulato un patto con la strega in cui li avrebbe aiutati ad avere un bambino in cambio di una serie di oggetti (cappuccio rosso, capelli di Rapunzel, mucca di Jack e i fagioli magici e scarpetta di Cenerentola), vaga alla ricerca di queste cose incontrando i vari personaggi, principi compresi. Quando poi la gigantessa che viveva sulla pianta di fagioli di Jack, scende per vendicare la morte del marito, nel regno e nel bosco si crea caos. Personalmente se non fosse stato un musical sarebbe migliorato parecchio, infatti le canzoni non hanno dato nessun valore aggiunto alla pellicola. Peccato perché c'era un bel cast, oltre alla Streep, Johnny Deep che interpretava il lupo di cappuccetto rosso, Anna Kendrick era Cenerentola e Emily Blunt la moglie del fornaio che non poteva avere figli. La nota positiva è che me lo sono evitata al cinema.

Buona visione
Saya

giovedì 17 marzo 2016

Ma che bella sorpresa

Mi piace molto Bisio, così come De Luigi e Zalone guardo i loro film. Non è che mi piacciano sempre ma per lo meno qualche risatina la strappano. Contiene spoiler.

Titolo: Ma che bella sorpresa
Uscita Cinema: 11 marzo 2015


La trama ci dice che Guido vive in Campania e fa l'insegnante di italiano. Dopo esser stato lasciato dalla fidanzata si ritrova solo e distrutto. A un certo punto si presenta alla sua porta Silvia, la ragazza perfetta. Inizia così una relazione con questa donna incredibile, peccato che Paolo un suo collega insegnante non scopre la dura verità: Silvia non esiste. E' infatti frutto della sua mente. La vede solo lui. Così Paolo, insieme ai genitori di Guido,interpretati da un intramontabile Pozzetto e una sconvolgente Vanoni cercheranno di fargli capire che quella che lui sta vivendo è una felicità effimera. La storia è carina, strappa qualche risata sopratutto il buon Pozzetto e la parlata napoletana che ci sta. Avrei però eliminato l'ultimo quarto d'ora. Una volta che Guido si rende conto che Silvia non esiste e incontra la vera vicina di casa con cui inizia una relazione vera, andava concluso il film. Invece no.. hanno dovuto aggiungere quei quindici minuti che hanno rovinato l'intera storia. Il troppo stroppia si dice? Mai proverbio fu più azzeccato.

Buona visione
Saya

martedì 15 marzo 2016

La grande scommessa

Ho voluto vedere questo film dopo averne sentito parlare parecchio e per il big cast contenuto. Di certo non mi aspettavo di incappare in un documentario economico finanziario.Contiene spoiler.

Titolo: La grande scommessa
Uscita Cinema: 7 gennaio 2016

http://www.rcslibri.it/libri/la-grande-scommessa/La grande noia direi. Ci ho messo un'infinità a metabolizzare questo film. Una fatica immensa a comprendere tutte quelle parti tecniche finanziarie. Alla fine sono riuscita a destreggiarmi nella situazione generale e capire il film, ma è stata dura. Non è un film facile e ammetto che mi aspettavo qualcosa di diverso, più simile a Wall Street. Non posso dire che mi sia piaciuto anche se ho trovato diversi spunti interessanti. E' difficile secondo me, se una persona non è del campo, riuscire a comprendere i sistemi economici che stanno dietro alle banche e ai mutui. Non so cosa si aspettassero rappresentando questo film, credo che nel libro sia spiegato molto meglio, ma di certo non mi cimenterò in questa lettura. Lo lascio a chi è afferrato in materia e che ama questo genere di film.

Buona visione
Saya